Posts Tagged ‘RIFATTE SENZA GLUTINE’

Rifatte senza Glutine: Peperoni Ripieni alla Micò

Incredibile, siamo arrivati all’appuntamento delle Rifatte di Maggio! La ricetta di questo mese era veramente semplice da rifare gluten free….dato che tutti gli ingredienti erano naturalmente senza glutine…purtroppo non sempre è così ma noi contiamo, quando andiamo fuori, sull’amicizia e sulla voglia delle persone che spesso ci ospitano in casa loro di non discriminare chi non può mangiare glutine.

Nel momento in cui scrivo, mancano 9 giorni alla data prevista del parto, quindi ho fatto questa ricetta in anticipo e ne programmerò l’uscita, supponendo che per un po’, dopo Maggio, sarò fuori dalle Rifatte finchè i ritmi non saranno di nuovo umani…ma chi lo sa?
A questa ricetta però ci tenevo, perchè sta anche molto a cuore a chi l’ha pubblicata, e devo dire che anche un paio di amiche non celiache questa volta ci hanno seguito….chissà, magari mancherò io, ma si aggiungeranno altri, ben venga!
Allora! Trovate la ricetta originale qui, nel post di Vale

Io ho fatto solo due peperoni, perchè sapevo che sarebbe finita male, ma riporto le sue dosi con le mie modifiche solo degli ingredienti:

4 peperoni di media grandezza
200 g. di riso (io ho usato il RISO VENERE, che adoro
80 g. olive denocciolate
20 g. capperi
15 g. alici sottolio da tagliare a pezzettini piccini piccini (io ho usato quelle piccanti..slurp!)
350 g. di cipolle 
30 g. parmigiano grattugiato
100 g. provolone piccante o affumicato da tagliare a dadini piccini (io ho usato la provola ragusana)
4 cucchiai di olio evo
sale q.b.
pepe q.b


Il procedimento che ho usato è stato leggermente diverso perchè, mentre cuocevo il riso, ho fatto un soffritto leggero di tutti gli ingredienti (tranne – per ovvi motivi – i formaggi) sminuzzati: la realtà è che a me non piacciono nè alici nè capperi quindi il mio tentativo era di farli scomparire tra le cipolle. Il risultato è stato invece una paradisiaca (o forse dovrei dire infernale) salsina con cui ho condito il riso. Ho poi aggiunto i formaggi.

Mentre riempivo i peperoni, ho mezzo finito il ripieno mangiandolo a cucchiaiate perchè era veramente spettacolare….sicuramente va bene anche come condimento semplice per un’insalata di riso venere!

Una nota sulla foto: noterete con tristezza un peperone triste e solitario: sappiate che avevo dimenticato di fare la foto e l’ho strappato letteralmente dalle fauci del Ciriaco!!! Domando piddonanza, come dice Catarella.

L’appuntamento (per voi, per me non so!) per il prossimo mese è con

Rifatte senza glutine: IL BLITZ DI MELE

Un mese vola, e come ogni 15 del mese ecco l’appuntamento fisso con le Rifatte Senza Glutine!
Non ci stanchiamo di ripetere che tutti possono partecipare e provare le nostre ricette (una al mese, jela potete fà!!!), e rendervi conto di quanto sia facile invitare un celiaco a cena :D

Questa volta il mese è volato, ma non mi sono fatta cogliere impreparata: ho fatto il Blitz di Mele di Uncuoredifarinasenzaglutine.blogspot.it il mese scorso, e mi accingo con molta gioia a riprepararlo stasera per un’amica che verrà a trovarmi domani :)…è finora la ricetta che più mi ha sorpreso per la combinazione tra la sua semplicità d’esecuzione (è veramente superfacile) e la sua bontà. Ho ovviamente fatto delle modifiche sui miei gusti e le mie esigenze che vanno un po’ + sull’ “integrale” ed è venuto fuori un dolce per cui ho litigato con il Ciriaco (l’ha finito in 12 ore!)
Qui gli ingredienti di Olga con le mie modifiche a lato:

60 g di burro (io ho usato quello di soya)
150 g di zucchero (io ho usato quello di canna puro)
2 uova
succo e scorza grattugiata di mezzo limone
mezza bustina di lievito in polvere (come da prontuario)
150  g di farina senza glutine (ho usato il Mix Di Farine Senza Glutine Per Impasti Lievitati. In mancanza usare una farina senza glutine per dolci)
50 g di farina di grano saraceno (questa è una mia modifica)
1 tazzina di latte
2 cucchiai di rum (io ho usato il limoncello)
3 cucchiai di zucchero a velo vanigliato (come da prontuario AIC. Io ho usato quello la Dolciaria-Colombo)
cannella q.b. (modifica mia: per me dove c’è mela c’è cannella!)

Io ho ovviamente usato il Bimby per amalgamare il tutto in un minuto (la mia velocità preferita è la 4, la uso praticamente per tutto: in medio stat virtus) – mentre per la procedura classica vi rimando al post originale. Nel frattempo ho messo a marinare le mele nel succo di limone e nello zucchero di canna con la cannella e ho adagiato l’impasto sulla teglia. Ho ricoperto l’impasto di mele dopodichè ho seguito la cottura indicata da Olga (35 minuti a 180°).
Vi giuro, servita tiepida con il gelato è la torta più normale ma più goduriosa che possiate mangiare: si scioglie in bocca! Ma mi sa che la prossima volta devo farne due, sennò mi tocca litigare di nuovo col Ciriaco!

Vi abbiamo convinto a partecipare?? La ricetta del 15 Maggio è  questa ….io spero di non essere in sala parto, non me la voglio perdere :D

Rifatte senza glutine: arrosto alla panna

Diciamo la verità, all’appuntamento con le Rifatte Senza Glutine questo mese ci sono arrivata veramente in scivolata: vi dico solo che la ricetta di cui sto scrivendo la sto or ora digerendo, insomma, è stato il pranzo di oggi!

Ricordo a tutti che ‘Rifatte Senza Glutine’ è una simpatica operazione per dimostrare a celiaci e non (ma soprattutto non) che chiunque può cucinare gluten free con facilità, e soprattutto che QUALSIASI COSA può essere cucinata gluten free.
La ricetta di questo mese è L’ARROSTO ALLA PANNA dal Blog La Cassata Celiaca:
Ricetta effettivamente molto semplice, e anche molto gustosa!
Vi scrivo gli ingredienti con le mie modifiche:

Arista di maiale (credo la mia fosse di 600 g)
100 g di pancetta GF
200 ml di panna (la mia era OVVIAMENTE la panna di soya di Provamel)
cipolla
olio
brodo (il mio era di verdure)
6 cucchiai di vino bianco (lo preferisco all’aceto della ricetta originale)
pepe nero e bianco in grani
2 cucchiaini di maizena (se si vuole una salsa cremosa)

Dicevo, l’esecuzione è semplicissima: ho ricoperto l’arista con le fette di pancetta e l’ho legata con lo spago alimentare e un bel fiocchetto :D, dopodichè, visto che doveva essere letteralmente ‘cotto e mangiato’ (ed erano – ahem – già le 12!) ho optato per la cottura al microonde.
Quindi, dopo aver rosolato il pezzo in olio e cipolla, ho trasferito tutti nel piatto crispy del microonde, ho aggiunto tutti gli ingredienti, e ho cotto 45 minuti a 900W CON LA CAMPANA. La campana del micro è stata una vera e propria svolta nell’uso del forno, in quanto cuoce perfettamente e allo stesso tempo non asciuga gli arrosti, per grossi che siano.
Una volta cotto, ho frullato la salsetta di cottura con due cucchiaini di maizena (la salsa era troppo liquida per come la volevo io) a 70° nel Bimby per circa 2 minuti, et voilà.
Il tempo di tagliarlo (caldo…..vi ci voglio vedere!) ed ecco che il Ciriaco era arrivato a casa…..insomma, tempismo perfetto!
Praticamente un pranzo della domenica, ma di mercoledì: ha un gusto davvero morbido e delicato!
Per chiudere, vi ricordo che la ricetta del mese prossimo è il Blitz di Mele: chi ci prova con noi?

Rifatte senza glutine: calamari ripieni su letto di zucchine (travestiti da totani ripieni su un letto di fagioli)

Le Rifatte Senza Glutine tornano, puntuali, anche questo mese: chiunque può partecipare (anche chi non è celiaco) e dimostrare che tutto si può RIFARE IN VERSIONE GLUTEN FREE! L’appuntamento è il 15 di ogni mese, e questo mese la ricetta è  quella proposta da Anna: I TOTANI RIPIENI SU LETTO DI FAGIOLI

La verità è quest’appuntamento delle Rifatte con i Totani mi ha messo un’ansia pazzesca…in genere maneggiare pesce molluschi et simili non mi ha mai fatto impazzire (infatti li mangio solo al ristorante!)….in realtà non è stato assolutamente fastidioso, anzi, con la mitiga siringa (rigorosamente cinese) non si sono neanche rotti!

Considerando che è carnevale, ho usato i calamari invece dei totani (suvvia non ve ne sareste neanche accorti), le zucchine invece dei fagioli (non entro nei dettagli spiegandovi il motivo, per stavolta), e li ho cotti in bianco.  Insomma, i Totani di Anna si sono travestiti da qualcos’altro!!! :D Scatenerò l’ira del TEMIBILE comitato organizzatore ma so che mi perdoneranno eheheheeh!!!!!

16 calamari surgelati
1 uovo
4 scatolette di tonno al naturale
50 g di pangrattato (a occhio e croce)
30 g di parmigiano (che non c’era nella ricetta di Anna)
sale
pepe
1/2 bicchiere di vino bianco
cipolle
2 cucchiai di panna di soya

Ho OVVIAMENTE scongelato i calamari.  Per dare un sapore cipolloso al tutto invece di bollire i ciuffetti gli ho dato una ripassatina in padella velocemente con olio e cipolle, e poi ho frullato il tutto con tonno e uovo. Per asciugare il composto (cremoso), ho aggiunto parmigiano e pangrattato finchè la consistenza non ha raggiunto la densità giusta. Ho salato e pepato.
Ho quindi riempito i calamari con la siringa, li ho chiusi con gli stuzzicadenti (non proprio ma anche qui vi evito il racconto dell’incidente domestico!), e ho preparato un soffrittino di cipolla.
Ho quindi adagiato i calamari, che ho fatto imbiancare da un lato e dall’altro, ho poi aggiunto mezzo bicchiere di vino bianco e ho coperto e cotto per 15 minuti.

Con il RIPIENO rimasto, come suggerito da Anna, ho fatto piccole polpettine cotte al microonde con cui ho fatto due piccoli spiedini :-P

Ho servito il tutto sul letto di zucchine travestite da fagioli e…..devo dire che sono veramente un piatto della domenica!! Solo che oggi (giorno in cui li ho cucinati) è venerdi e dovrebbe nevicare a Roma: insomma, piatto consolatorio!

La ricetta del prossimo mese, per cui l’appuntamento è il 15 Marzo è L’Arrosto alla Panna del Blog La Cassata Celiaca , altro piatto ‘della domenica’: colgo l’occasione (e stavolta insisterò) per invitare a provare questa ricetta e a partecipare alle Rifatte tutte le mie amiche che amano cucinare e che almeno una volta hanno cucinato una piatto senza glutine o che prima o poi si troveranno a farlo: anche se non avete un blog, si può partecipare!!!

Rifatte senza glutine: la pumpkin pie

Ecco il nuovo appuntamento del ‘fight club’ dei celiaci, come lo chiamo io. Ci scherzo ovviamente, ma più persone conosco, più mi rendo conto che la vita del celiaco (e di tutti quelli che lo circondano) a volte è veramente una lotta: a scuola, nelle mense aziendali, durante le feste…..un diritto – quello di non stare male – diventa qualcosa per cui combattere. E questo è molto triste. Cucinare senza glutine è piacevole e rilassante esattamente come cucinare con il glutine, e l’iniziativa Rifatte Senza Glutine è l’occasione per dimostrarlo! Chiunque può partecipare, ogni mese, e mettersi alla prova.

La ricetta di questo mese suona un po’ Halloween, ed è la Pumpkin Pie di Un Castello in Giardino .

Io ho fatto due monoporzioni e non una torta intera: chi mi ha seguito nella scorsa edizione delle Rifatte penserà che non ho il senso della misura (le crepes erano giganti, adesso le torte sono minuscole!!!), quindi faccio una premessa: l’ultima volta che ho fatto un dolce con la zucca me lo volevano tirare dietro (sia il Ciriaco che gli amici del Ciriaco), quindi con un po’ di timore (scusa Jè, tu non c’entri, è proprio una lotta casalinga!!! :D) ho deciso di fare due piccole tortine e quindi ho usato metà dose. Io però pubblico gli ingredienti per una torta intera:

una base di pasta brisee (potete usare la ricetta di Olga, io ne avevo una fatta da me tempo fa e surgelata)

500 g di polpa di zucca cotta
200 ml di panna (io come sempre ho usato quella di soya)
100 g di zucchero
2 uova
1/2 cucchiaino di cannella in polvere
1/2 cucchiaino di zenzero in polvere

Le due basi le ho preparate in due piccoli pirottini di coccio per le crostatine.
La zucca io l’ho cotta nel microonde con la campana (circa 30 minuti), quindi la polpa si presentava abbastanza asciutta e non è stato necessario passarla in padella come nella ricetta originale. Era però morbidissima quindi l’ho semplicemente schiacciata con la forchetta, e ho aggiunto la panna, lo zucchero, l’uovo, la cannella e lo zenzero. Ho versato il composto nei pirottini et voilà nel forno!
Io per la cottura ho usato il forno ventilato a 180 gradi, e si sono cotte perfettamente in 20 minuti.
Devo dire la verità: ero timorosa, ma il risultato è invece dolce e profumatissimo, con una superficie quasi caramellata e sembra una crostata con una marmellata speziata di zucca (chissà se doveva essere davvero così?)!!! Il Ciriaco se n’è portata una in ufficio e mi manda un sms: ‘dolce superbuono: addio dieta!’
….Mi sa che mi toccherà rifarla grande!!

Intanto, ci prepariamo alla prossima ricetta delle Rifatte, i Totani Ripieni su letto di Fagioli del Blog ‘Ai Fornelli con la Celiachia’…alla prossima, fight club!

1 2 3

%d blogger cliccano Mi Piace per questo:
WordPress Backup