Posts Tagged ‘recensione ristorante senza glutine’

Paella e non solo: El Duende

El Duende

In una domenica sera di brutto tempo e senza figlia per casa, ci siamo chiesti se fosse meglio spiaggiarsi sul divano o andare a cena fuori e abbiamo trovato un’ottima via di mezzo: un posto fantastico sotto casa (letteralmente, ci andiamo a piedi)!
Non andavamo da El Duende da ben 5 anni….e 5 anni fa ci eravamo trovati abbastanza bene, erano informati e il Ciriaco aveva mangiato sia la paella che la crema catalana.

Ci accomodiamo nella bella veranda e….sorpresa! Gran parte del menu che ci portano ha la spiga barrata!! A parte alcuni piatti, si possono provare tantissime specialità spagnole!! Guardate voi stessi…anche se le foto (purtroppo) sono fatte con il cellulare!

Insomma, tra Jamòn Serrano e totani ripieni, patatas ali oli e una paella valenciana….crema catalana e tanta sangrìa, è venuto fuori un seratone!! In tutto e per tutto si può considerare un Ristorante Spagnolo senza glutine.

L’atmosfera è molto calda e colorata, i camerieri molto socievoli ed è sicuramente un posto dove andare a fare un po’ di caciara con gli amici!

Considerate che fa anche aperitivi e serate di flamenco molto belle…ma è sempre meglio prenotare in anticipo!

Qui la loro pagina Facebook

Primark online

Viaggio in Sicilia e ricordi: le crepes di Zeronove

CREPESZERONOVEA giugno scorso sono tornata qualche giorno a casa in Sicilia, giusto per non arrivare esaurita ad Agosto.

Dovete sapere che durante la mia ‘giovinezza’ (parliamo genericamente di più di 20 anni fa) le crepes erano molto di moda. C’erano pochi posti in cui si poteva mangiare un’ottima crepe (e uno di questi era il nostro pub…ma questa è un’altra storia!!!), e dopo la discoteca o comunque prima di tornare a casa dopo le scorribande notturne, era lo spuntino classico (effettivamente non proprio ideale)!

Io non mangiavo una crepe così buona da allora, e finalmente, dopo aver scoperto che la Creperia Zeronove del mio paesello di origine (Scicli) si è attrezzata per farle senza glutine, non potevo non riprovarci!

Ho parlato a lungo con Guglielmo che mi ha raccontato di come ha deciso di specializzarsi nell’impasto senza glutine e come vedete dal menu la scelta è praticamente TOTALE!

CREPERIAZERONOVELe crepes sono ECCEZIONALI. Proprio come me le ricordavo, un effetto madeleine che mi ha riportato indietro alle calde estati della mia giovinezza :) :)

Sempre chiacchierando viene fuori che ha creato un impasto anche con il grano saraceno e io, che amo il grano saraceno, potevo non provarla? Ne ho assaggiata una classica con la nutella e vi dico: è il top!

Scicli è ormai meta turistica grazie a Montalbano e prima o poi finirete per andare anche voi: fate un salto a prendere una crepe, non ve ne pentirete!!

Si trova in via Belfiore 9, dietro Piazza Italia, a Scicli (RG)

A cena in giardino: The Butcher House

 

THE BUTCHER HOUSE (1)

Ah,le domeniche d’estate! Dopo un bel pomeriggio in piscina, quanto ti può andare di cucinare? A me, zero.

Era da un po’ che nel mitico gruppo romano dal nobile nome di ‘Cicciarculo’ si parlava di questo posto aperto da poco, e a pochi minuti da casa…e che non lo provi?

E’ un posto molto carino, con un prato su cui i bambini possono scorrazzare liberamente, una parte con i tavoli all’aperto e una parte chiusa molto calda e accogliente che sicuramente sarà molto carina in inverno.

THEBUTCHER HOUSE (1)

 

La lista delle bevande è disegnata sulla tovaglietta, la trovo una cosa molto carina…così come il fatto che puoi creare il tuo panino (non solo senza glutine, ma anche vegano per chi vuole) mettendoci dentro tutto quello che vuoi!!

Noi abbiamo ordinato le ottime chips fatte in casa, una pizza alla canapa senza glutine (che ho trovato ottima, molto aromatica e dall’impasto morbido), una pizza normale alla ‘nduja (ottima anche quella), e un hamburger per la Celiachinaperamore. Anche alcune delle ottime bruschette possono essere adattate gluten free. Purtroppo non avevamo spazio per il dolce, magari vi aggiorno la prossima volta!

Noi siamo stati rilassati tutta la sera, e sono sicura che ci torneremo! Non è un posto centrale ma se vi trovate in zona andate a provarlo! Prossimamente apriranno anche una parte dove faranno concerti ed eventi live…!!

20160626_213209

Li trovate su Facebook.

 

 

Altro che MAC: HAM Holyburger si sglutina!

HAM

HAM

Metti una domenica isterica, in cui non hai messo il naso fuori casa (ad eccezione di un’ora e mezza al parco a guardare tua figlia rotolarsi nell’erba e ad inseguirla per chilometri per tenerla d’occhio) nonostante la bellissima giornata.

Metti che si sono fatte le 20, hai fame e non hai voglia di stare a casa. Metti un marito altrettanto affamato e una bambina che deve andare a dormire presto. Che fai vai al McDonald’s sotto casa? Noooooooo!

Siamo andati a provare HAM – Holyburger, che ha da poco creato un Holyburger senza gutine. In questo caso siamo andati a Via Brescia nonostante Via Chiana fosse più vicina (questi ultimi, chiamati per assicurarci che ci fosse il pane gf, non ce l’avevano per un problema di consegne)

Il locale, in legno (ex birreria Peroni!) è molto carino e caldo, un’atmosfera da pub dal gusto high tech: appena arrivate infatti vi consegnano un ipad da cui farete tutto: scegliere (tra hamburger, insalate, piatti sfiziosi ma quasi tutti fritti!), ordinare, chiedere il conto…..e fare gli asociali navigando a tavola, o intrattenere i vostri bambini tecnologici (non per vantarmi ma al contrario dei bambini del tavolo vicino, mia figlia giocava con i pupazzetti e cercava di rimorchiarsi i bambini di cui sopra!)

I panini sono buonissimi, la carne ottima, il servizio veloce. Un panino va in media sui 9/10 €….ma senza glutine ce ne sta uno solo. Viene servito con una mezza pannocchia (corn on the cob) e un’insalatina coleslaw.

Hanno anche la birra e il tiramisù (quest’ultimo non l’abbiamo provato), e dalla prossima settimana fanno anche una promo a 10€ panino + birra. Fortunati come sempre noi, vah!!!!

20160403_214839 (1)

 

Ve lo consiglio per una serata in compagnia caciarona, e con i bimbi!!!

 

l’Abruzzo come non te lo immagini – Sextantio

ABRUZZO Avete mai fatto un viaggio nel tempo? Io si. Da tanti anni, praticamente da quando ha aperto, desideravo andare a vedere Sextantio, un piccolo hotel diffuso nel paesino arroccato di Santo Stefano di Sessanio, in provincia dell’Aquila. Finalmente sono riuscita a fare una bella fuga in un brevissimo fine settimana e il posto è stato assolutamente all’altezza delle aspettative. Santo Stefano è molto piccolo e lontano da tutto, dove respiri il silenzio e ti riempi gli occhi di un paesaggio spoglio ma che ti permette di guardare lontano. Il giorno del nostro arrivo siamo stati accolti da una bellissima nube lenticolare che ci ha accompagnato tutto il giorno nei nostri giri….ed è stato solo l’inizio! L’Albergo Diffuso è davvero un tuffo nel passato. Tutto tranne pochissimi dettagli (come per esempio i sanitari per forza di cosa) è stato disegnato rispettando materiali e idee del secolo scorso: si entra in casette di pietra fuori, con tanto legno dentro, con letti e mobili ‘all’antica’ e con un po’ meno comodità di un normale hotel. Materiali di recupero e candele praticamente ovunque rendono l’atmosfera molto romantica. SEXTANTIO Una prima passeggiata nel piccolissimo paesino (che si gira in 15 minuti) e vi sarete già liberati di tutte le ansie accumulate nella vostra stressante vita di tutti i giorni. Qualche chilometro più in là, e vi ritroverete addirittura nel set di un famoso film degli anni ’80: Rocca Calascio. Una salitina a piedi attraverso un paesino ormai abbandonato e una volta in cima non saprete dove guardare: da  una parte la stupenda rocca, dall’altra l’occhio si perderà sulle montagne innevate e dall’altro lato sul paesaggio brullo collinare. Colonna sonora: il silenzio. ROCCA CALASCIO Un giro veloce nel paesino di Castel del Monte (anche quello piuttosto ‘fantasma’ ma che ha il suo perchè) e via in albergo a gustarci prima una tisana nella Tisaneria dell’hotel (dove vendono anche prodotti del luogo)e  una delle migliori cene degli ultimi viaggi! La Locanda Sotto gli Archi è stata infatti la ciliegina sulla torta: la location è splendida, e il menu è ‘povero’ (la cosa è voluta, e richiama lo stile del paese e dell’hotel) ma davvero gustoso. Indimenticabile la pasta con noci patate e pecorino: 3 ingredienti in croce e una pasta strepitosa!!! Non è solo l’atmosfera che mi ha colpito ma anche il fatto che siano stati in grado di far fare al Ciriaco una cena completa dall’antipasto al secondo (il dolce non ci entrava proprio!) senza problemi (ovviamente avvisando con anticipo: non è certo un posto dove se ti manca il pane per un cliente vai al supermercato a comprarlo!). Anche lui ha mangiato la mia stessa pasta ed entrambi siamo usciti soddisfattissimi della cena, e delle piacevoli ore passate a lume di candela sotto gli archi di pietra. La Locanda è anche la sala colazioni del Sextantio, dove il mattino dopo potete assaporare una colazione ‘antica’ (scordatevi il cappuccino, qua ci sta la brocca del latte!), un ottima fetta di prosciutto tagliata a mano e succhi e marmellate artigianali. Poche cose ma buonissime e all’altezza del luogo. Anche qui il Ciriaco oltre a sfondarsi di ricotta di pecora ha avuto i suoi prodotti senza glutine.

LOCANDASOTTOGLIARCHI

 

Una notte basta per riprendervi dalla quotidianità, ma vi assicuro che lo lascerete questo posto con una vena di nostalgia. Note: A pranzo del primo giorno abbiamo mangiato un’ottimo tagliere di prodotti tipici (molto ben aiutati da un ragazzo che ci serviva al tavolo) e una buona zuppa di lenticchie di Santo Stefano nella Bettola di Geppetto gestita da un tipico signore abbruzzese (il pane gf ce l’eravamo portato dietro). Fatevi un giro nei negozietti e comprate il marcetto (formaggio tipico) e la Genzianella….se avete ancora spazio!!! Altre foto di questo weekend potete trovarle qui

1 2 3 6

%d blogger cliccano Mi Piace per questo:
WordPress Backup