Posts Tagged ‘recensione ristorante per celiaci’

Altro che MAC: HAM Holyburger si sglutina!

HAM

HAM

Metti una domenica isterica, in cui non hai messo il naso fuori casa (ad eccezione di un’ora e mezza al parco a guardare tua figlia rotolarsi nell’erba e ad inseguirla per chilometri per tenerla d’occhio) nonostante la bellissima giornata.

Metti che si sono fatte le 20, hai fame e non hai voglia di stare a casa. Metti un marito altrettanto affamato e una bambina che deve andare a dormire presto. Che fai vai al McDonald’s sotto casa? Noooooooo!

Siamo andati a provare HAM – Holyburger, che ha da poco creato un Holyburger senza gutine. In questo caso siamo andati a Via Brescia nonostante Via Chiana fosse più vicina (questi ultimi, chiamati per assicurarci che ci fosse il pane gf, non ce l’avevano per un problema di consegne)

Il locale, in legno (ex birreria Peroni!) è molto carino e caldo, un’atmosfera da pub dal gusto high tech: appena arrivate infatti vi consegnano un ipad da cui farete tutto: scegliere (tra hamburger, insalate, piatti sfiziosi ma quasi tutti fritti!), ordinare, chiedere il conto…..e fare gli asociali navigando a tavola, o intrattenere i vostri bambini tecnologici (non per vantarmi ma al contrario dei bambini del tavolo vicino, mia figlia giocava con i pupazzetti e cercava di rimorchiarsi i bambini di cui sopra!)

I panini sono buonissimi, la carne ottima, il servizio veloce. Un panino va in media sui 9/10 €….ma senza glutine ce ne sta uno solo. Viene servito con una mezza pannocchia (corn on the cob) e un’insalatina coleslaw.

Hanno anche la birra e il tiramisù (quest’ultimo non l’abbiamo provato), e dalla prossima settimana fanno anche una promo a 10€ panino + birra. Fortunati come sempre noi, vah!!!!

20160403_214839 (1)

 

Ve lo consiglio per una serata in compagnia caciarona, e con i bimbi!!!

 

l’Abruzzo come non te lo immagini – Sextantio

ABRUZZO Avete mai fatto un viaggio nel tempo? Io si. Da tanti anni, praticamente da quando ha aperto, desideravo andare a vedere Sextantio, un piccolo hotel diffuso nel paesino arroccato di Santo Stefano di Sessanio, in provincia dell’Aquila. Finalmente sono riuscita a fare una bella fuga in un brevissimo fine settimana e il posto è stato assolutamente all’altezza delle aspettative. Santo Stefano è molto piccolo e lontano da tutto, dove respiri il silenzio e ti riempi gli occhi di un paesaggio spoglio ma che ti permette di guardare lontano. Il giorno del nostro arrivo siamo stati accolti da una bellissima nube lenticolare che ci ha accompagnato tutto il giorno nei nostri giri….ed è stato solo l’inizio! L’Albergo Diffuso è davvero un tuffo nel passato. Tutto tranne pochissimi dettagli (come per esempio i sanitari per forza di cosa) è stato disegnato rispettando materiali e idee del secolo scorso: si entra in casette di pietra fuori, con tanto legno dentro, con letti e mobili ‘all’antica’ e con un po’ meno comodità di un normale hotel. Materiali di recupero e candele praticamente ovunque rendono l’atmosfera molto romantica. SEXTANTIO Una prima passeggiata nel piccolissimo paesino (che si gira in 15 minuti) e vi sarete già liberati di tutte le ansie accumulate nella vostra stressante vita di tutti i giorni. Qualche chilometro più in là, e vi ritroverete addirittura nel set di un famoso film degli anni ’80: Rocca Calascio. Una salitina a piedi attraverso un paesino ormai abbandonato e una volta in cima non saprete dove guardare: da  una parte la stupenda rocca, dall’altra l’occhio si perderà sulle montagne innevate e dall’altro lato sul paesaggio brullo collinare. Colonna sonora: il silenzio. ROCCA CALASCIO Un giro veloce nel paesino di Castel del Monte (anche quello piuttosto ‘fantasma’ ma che ha il suo perchè) e via in albergo a gustarci prima una tisana nella Tisaneria dell’hotel (dove vendono anche prodotti del luogo)e  una delle migliori cene degli ultimi viaggi! La Locanda Sotto gli Archi è stata infatti la ciliegina sulla torta: la location è splendida, e il menu è ‘povero’ (la cosa è voluta, e richiama lo stile del paese e dell’hotel) ma davvero gustoso. Indimenticabile la pasta con noci patate e pecorino: 3 ingredienti in croce e una pasta strepitosa!!! Non è solo l’atmosfera che mi ha colpito ma anche il fatto che siano stati in grado di far fare al Ciriaco una cena completa dall’antipasto al secondo (il dolce non ci entrava proprio!) senza problemi (ovviamente avvisando con anticipo: non è certo un posto dove se ti manca il pane per un cliente vai al supermercato a comprarlo!). Anche lui ha mangiato la mia stessa pasta ed entrambi siamo usciti soddisfattissimi della cena, e delle piacevoli ore passate a lume di candela sotto gli archi di pietra. La Locanda è anche la sala colazioni del Sextantio, dove il mattino dopo potete assaporare una colazione ‘antica’ (scordatevi il cappuccino, qua ci sta la brocca del latte!), un ottima fetta di prosciutto tagliata a mano e succhi e marmellate artigianali. Poche cose ma buonissime e all’altezza del luogo. Anche qui il Ciriaco oltre a sfondarsi di ricotta di pecora ha avuto i suoi prodotti senza glutine.

LOCANDASOTTOGLIARCHI

 

Una notte basta per riprendervi dalla quotidianità, ma vi assicuro che lo lascerete questo posto con una vena di nostalgia. Note: A pranzo del primo giorno abbiamo mangiato un’ottimo tagliere di prodotti tipici (molto ben aiutati da un ragazzo che ci serviva al tavolo) e una buona zuppa di lenticchie di Santo Stefano nella Bettola di Geppetto gestita da un tipico signore abbruzzese (il pane gf ce l’eravamo portato dietro). Fatevi un giro nei negozietti e comprate il marcetto (formaggio tipico) e la Genzianella….se avete ancora spazio!!! Altre foto di questo weekend potete trovarle qui

Venghino siori: Lievito 72

pizzaiola

La Celiachina per amore affascinata dal forno a vista

Devo dire la verità, era da tanto che ci volevo andare, ne avevo sentito parlare benissimo nel gruppo Facebook Roma Celiachia, e alla fine da Lievito72 ci siamo finiti ieri sera per caso, grazie alla partita della Roma che intasava Ponte Milvio!!

menu

L’atmosfera ricorda molto quella del mio amato Mangiafuoco, molto luminosa, giovane e caciarona, e la pizza è fenomenale!! I supplì (oltre a quello semplice ci sta anche quello alla ‘nduja, il mio preferito! Trovate anche supplì all’amatriciana, vegani o cacio e pepe)

pizze

Il Ciriaco ha preso una pizza con patate e salsiccia e la piccoletta la solita rossa con la ‘ciccia’ (ma si è portata la pizza lasciata a metà nella sua bella scatola tutta contenta). Io, dal canto mio, vi straconsiglio la pizza cicoria e nduja. Spettacolo.

Una nota: come pochi ristoranti e pizzerie, hanno addirittura una cucina a parte per i celiaci!

map

Sono stati velocissimi nel servizio, nonostante il ristorante fosse strapieno e con almeno due tavolate, nel giro di un’ora siamo usciti e il commento della Celiachinaperamore è stato: ‘ci siamo proprio divertiti vero?’

Il commento di Bubu e Tattiròn non ci è dato saperlo. Questi due sono sempre imperscrutabili!

20151004_202923

Scene da un matrimonio: un piccolo resoconto e la torta de La Pasticciera

ioepapa

io e papà

Due giorni fa è stato il nostro quarto anniversario di matrimonio. Un matrimonio tutto senza glutine come vi ho già raccontato all’epoca (vedi qui).

Lo voglio festeggiare con voi in due modi.

Il primo, condividendo la nostra torta nuziale che ogni anno viene rifatta per festeggiare: una torta buonissima e fresca, con crema chantilly al limone meringhe.

torta

Stavolta non l’ha fatta lo chef Luca, impegnato in altre cose, ma Federica di La Pasticciera, piccolo e delizioso forno senza glutine che ha aperto da poco in zona Stazione Termini. Per me è stata una salvata, perchè ogni volta da Roma Nord per una torta dovevamo arrivare da Napoleoni che sta dall’altra parte del mondo….

…ma soprattutto in Federica, sin dalla prima telefonata (mooolto prima di questa torta) ho trovato un’interlocutrice deliziosa e aperta a sperimentazioni per creare dolci e biscotti anche senza latte e senza uova (la Celiachinaperamore ama i suoi biscotti!). Io ho amato la sua Linzer Torte (e vi confesso di essermela finita). Il Ciriaco alle volte ci va in pausa pranzo per farsi una bella pizza con la mortazza, che non guasta mai. Vi consiglio di andarci, è davvero un angolino delizioso come potete vedere da queste foto (fatte ahimè con il cellulare!!)

Anche sulla torta, l’ultimo cucchiaio è stato il mio, fidatevi.

fetta

Last but not least, i prezzi sono assolutamente ottimi vista la qualità!

Dicevamo, volevo festeggiare in due modi: l’altro è pubblicare questo piccolo resoconto della mia amica/fotografa, che non è mai stato reso pubblico ma che mi ha fatto venire la lacrimuccia. Mi ricorda un giorno davvero divertente e spero che chi avrà la pazienza di leggerlo, mi riconoscerà nella descrizione.

 

8 luglio 2011 ore 14:00. Fa un caldo infernale. Suono alla porta di Marcella, mi accoglie in coulotte e canotta nere, mi travolge di chiacchiere, mi guarda e mi dà subito della pazza perché sono sui tacchi e mi molla un paio di infradito. Stordita mi trascina in cucina, apre il frigo elenca una lista infinitesimale di alimenti vari e mi prepara un panino che mangerò appena, perché il mio stomaco è chiuso per la tensione. Lei invece è di una tranquillità sconvolgente. Dentro di me penso “Sta sicuramente fingendo, un  pizzico di agitazione deve trapelare, diamine sta per sposarsi!” Invece no.

 Riserva la stessa accoglienza alla parrucchiera e alla truccatrice. La vedi
 muoversi tra lo stereo “Un po’ di musica ci sta proprio bene ora!” esclama,
 la cucina, apre gli sportelli dice che ha fame mangia del formaggio e
 commenta “Ci vorrebbe del miele!”
 Tra la prima parte del trucco e l’acconciatura si alza e va a stirare la
 camicia del papà, non senza discutere con la mamma la quale, piuttosto che
 lasciare la sua macchina fotografica si farebbe tagliare una mano!
 In men che non si dica è pronta, via si indossa il vestito, ma la tragedia
 incombe… mentre indossa il suo abito nuziale il rossetto macchia il
 bavero… desperate bride? Panico? Macché serafica si fa una risata e dice
 “Nascondiamolo aumentando il risvolto”. Unica!
 Finalmente è pronta, estrae il suo bouquet dal frigo, poggia il bicchiere
 pieno d’acqua in cui era immerso sul tavolo ed esplode in una fragorosa
 risata: la mamma della sposa non si era accorta che fosse il bicchiere del
 bouquet e ci si disseta.
 Tra una risata e l’altra si sale in macchina destinazione via delle Camene
 dove verrà celebrato il matrimonio. Arriviamo puntuali, io trovo lì il mio
 Amore, Marco pronto anche lui con la sua macchina fotografica, che ci
 informa che i matrimoni precedenti sono in ritardo. “Qual è il problema?”
 dice Marcella – “Andiamo alla festa del PD” che si tiene proprio dietro la
 chiesetta sconsacrata del comune, attirata dal profumo di salsicce e carne
 alla brace (ci sono testimonianze fotografiche, lo giuro!)
 Finalmente è il suo turno, prende per mano il papà ed entra… ma non
 dovrebbe essere il contrario??? Alessandro l’aspetta dentro la guarda
 estasiato, le stringe la mano.
 La cerimonia inizia, forti e chiari arrivano i loro Sì decisi, Alessandro
 aggiunge anche “LO VOGLIO!” Si baciano, lui le prende le guance tra le mani
 e la guarda rapito, lei per un momento perde la sua risata per un sorriso
 dolce e innamorato. Io mi commuovo, meno male che c’è Marco che continua a
 scattare.
 Si scambiano gli anelli, sono marito e moglie. Fuori li aspettano i parenti,
 gli amici e una grandinata di riso multicolore. Poi foto, foto e foto! La
 testimonianza mia e di Marco finisce qui, non prima di passare io dall’altra
 parte dell’obiettivo e farmi immortalare da Marco insieme alla sposa più
 vulcanica che abbia mai fotografato :) Grazie Marcella, sei Unica!”

 

Cenetta di inizio estate: Il Corsaro

Il Corsaro

Lo sapete, sono siciliana e amo il mare. Da quando vivo a Roma (ormai più di metà della mia vita) quando comincia a fare un po’ di caldo io incomincio a deprimermi. Sento il bisogno della sabbia sotto i piedi, quella fresca del tramonto. Se potessi vedere il tramonto al mare tutti i giorni sarei una persona felice!

Purtroppo non riesco a vederlo se non in vacanza e in qualche fine settimana rubato…quindi quando mia suocera (celiaca pure lei…) mi ha proposto di scegliere il ristorante per la sua cena di compleanno non ho avuto dubbi. Si va a Ostia Beach!

Ho trovato e scelto Il Corsaro nell’app di AIC, e mi è piaciuto sin da subito perchè mi ha risposto via email, cosa che non tutti fanno :D. Marco è stato gentilissimo e disponibile sin dall’inizio e devo dire che anche la serata è stata rilassante.

Siamo ovviamente arrivati un bel po’ prima per goderci bene l’orario più bello e raccogliere un po’ di conchiglie…

conchiglie

Quando la Celiachinaperamore si è stancata e iniziavamo ad avere fame, ci siamo accomodati ad un bel tavolo vista mare e ci siamo goduti una spettacolare cena di pesce! Abbiamo preso un mix di antipasti ciascuno (polipetti, cozze, crudi, frittura….non mi ricordo neanche tutto!!) e alla fine eravamo già sazi: giuro che abbiamo finito il primo con molta fatica, e perchè era buonissimo. I piatti senza glutine erano spettacolari e assolutamente all’altezza del glutinoso (perchè io ovviamente ho provato tutto!!!)

L’attesa è stata veramente minima (nonostante ci fosse un evento!), anche per la Celiachinaperamore è bastato giocare con Bubu e quattro conchiglie in croce che subito aveva il suo piatto di pasta davanti (tra l’altro mi ero dimenticata di segnalare che doveva essere gluten free anche la sua e sono stati supergentili nonostante mi avessero già preparato quella glutinosa….che testa che ho! Non riesco ancora ad abituarmi)

20150531_195135

Non fanno le torte di compleanno ma usano dei buonissimi dolci (noi abbiamo preso una specie di Foresta Nera) per assemblare il tutto e metterci una bella candelina sopra, ma se si vuole la torta si può tranquillamente acquistare fuori e portare da casa!

Insomma, la serata è stata bellissima, abbiamo mangiato benissimo (io ho apprezzato particolarmente la pasta con cozze e porcini….burp!) e abbiamo pagato il giusto.

….e tenete presente che è prima di tutto uno stabilimento balneare, quindi pensate che bello potersi gustare una bella frittura tra un bagno e l’altro!!!

20150531_192541

1 2 3 4 5

%d blogger cliccano Mi Piace per questo:
WordPress Backup