Posts Tagged ‘PANE SENZA GLUTINE’

Più pane per tutti: Pane morbido semintegrale al Teff

Pane integraleChi mi conosce (bene e di persona) sa che combino certi casini che manco mia figlia di 4 anni. Ecco, questa ricetta era cominciata così e invece è finita nel migliore dei modi: con un pane buonissimo, finora il più spettacolare (secondo i miei gusti personali ovviamente!)!

Mi accingevo infatti a fare una delle ricette (pagnottine) del libro di Olga (che, non mi stancherò mai di dirvelo, dovete avere in casa! Lo trovate qua) quando, praticamente alla prima farina, mi rendo conto che avevo fatto un pasticcio e avevo invertito una dose per un’altra. Visto che avevo già fatto casino, ho continuato cambiando la Nutrifree con la versione Fibra e rendendo il tutto un po’ più integrale dell’originale. Non credo che sia cambiato molto. Di seguito le dosi come le ho incasinate io (ovvero dosi invertite per Glutafin e Nutrifree,  Revolution invece di Glutafin e mix fibra invece di Nutrifree normale), sul libro trovate l’originale.

90 g di latte

285 g di acqua

3 g di lievito di birra secco

25 g di olio di mais

10 g di zucchero di canna

196 g di Mix Revolution per pane

98 g di Mix Fibra Nutrifree

100 g di Farina Teff Avorio Teff Heaven

5 g di sale

Ho impastato per circa 5 minuti nel Bimby con la funzione impasto e ho lasciato a lievitare nel boccale. Una volta raddoppiato, dato che l’impasto era troppo molle per lavorarlo (è una ricetta per la macchina del pane), l’ho versato nello stampo da plumcake, l’ho spennellato come da ricetta di olio e acqua e l’ho cotto nel forno caldo a 200 gradi per circa 25 minuti.

Non vi dico l’aroma che ha sprigionato per casa. Appena sfornato era un vero spettacolo ma anche adesso da freddo è molto morbido e con quel gusto integrale che piace anche a me (che per ragioni di salute ormai devo mangiare SOLO INTEGRALE). La Celiachinaperamore ha gradito molto (e dire che lei il mio pane lo snobba alla grande di solito!!! quindi sicuramente questo sarà uno dei miei preferiti in futuro!!! La prossima versione la provo con il lievito madre però.

A proposito….ve l’ho detto che ho fatto il DNA per la Celiachia e sono risultata positiva? Che dite, cambio il nome del blog da Celiacaperamore a Celiacaperdavvero?

wedding dresses

La panificazione continua: Panini all’olio

Copy of into the wild

Come tutti gli ultimi ‘pani’, anche questo viene dal libro di Olga che, se non avete ancora comprato, vi consiglio caldamente. Ormai è il mio migliore amico :). Io ho usato due farine alternative a quelle indicate nel libro, ma sempre dietro sue indicazioni. Inoltre ho usato il lievito madre e fatto lievitare l’impasto tutta la notte!

190 g di Mix Nutrifree per pane

110 g di mix farina Conad

100 g di Farina Revolution per pane

300 g di acqua tiepida

40 g di olio

160 g di lievito madre (o 16 g di lievito di birra)

6 g di sale

1 po’ di zucchero

La mia versione da mamma che non ha tempo di cucinare come sapete è : butta dentro il Bimby tutto quanto e impasta a velocità impasto! Ci sono voluti circa 5 minuti per amalgamare bene l’impasto.Per quella da vere donne di casa, vi rimando al procedimento del libro :D.

Ho quindi lasciato a lievitare una notte intera. Poi ho formato i panini sulla forma delle baguette per tenerli fermi e li ho lasciati a lievitare (nel forno con la lucina accesa) finchè non sono raddoppiati. Li ho quindi spennellati con acqua e olio e su qualcuno ho messo dei semini a piacere.

Ho scaldato il forno a 190° e vi ho posizionato la pietra refrattaria su cui ho cotto i panini per circa 20 minuti. Appena sfornati erano croccanti fuori e morbidi dentro, dopodichè conservati in un sacchettino chiuso si sono conservati benissimo!!!!

Un altro best baker: il pancarrè!

PancarrèC’è un libro che ha cambiato il mio modo di cucinare negli ultimi tre mesi, ed è questo. Ora, anche io non pensavo che fosse necessario un libro…sul web e soprattutto sul blog Uncuoredifarinasenzaglutine ci sta veramente di tutto. Invece mi sbagliavo!

La verità è che io a malapena mi ricordo quello che ho pubblicato io e raramente torno a rivedere cosa ho fatto….allo stesso modo, nei blog altrui, se non vedo il post al momento vado solo a cercare quello che mi serve. Il che vuol dire che vado con un’idea ben precisa.

Il libro, le idee te le fa venire. Ti ispira. Lo sfogli sul divano con calma senza lettere e foto che scorrono troppo velocemente sullo schermo perchè, diciamocelo, su internet ho sempre fretta e poca voglia di cercare.

Quindi da tre mesi a questa parte vi dicevo, qualcosa è cambiato: a casa nostra si PANIFICA. Al ritmo di circa due pani a settimana. Il mio preferito è il no knead bread ma questo…..oh, questo va a pari merito!
E’ il pancarrè più morbido (anche dopo essere rimasto una notte fuori coperto solo da un canovaccio) e insospettabilmente senza glutine che io abbia mai mangiato!

Ho seguito la ricetta quasi pedissequamente usando:

500 g di Glutafin Select

390 g di acqua

20 g di olio

6 g di sale

120 g di lievito madre e 8 di lievito di birra (sul libro 8 g di lievito secco)

1 punta di zucchero

Ho, come sempre, buttato tutto nel Bimby usando la funzione impasto. Il tutto si impasta benissimo in circa un minuto e mezzo.

Non avendo lo stampo da pancarrè (che a questo punto va assolutamente comprato!!), ho usato quello del plum cake (che non ha il coperchio) ma ovviamente il pane ha fatto la cupoletta. Insomma è effettivamente venuto fuori un pan bauletto! Intanto di stampo ho adocchiato questo:

L’impasto è morbido (quasi tipo ciambellone) e non si tocca con le mani ma va versato direttamente nello stampo ricoperto da carta forno. Si cuoce nel forno a partire dal forno freddo, a 200°, per circa un’ora secondo la ricetta ma nel mio forno era pronto praticamente dopo 40 minuti!

Credetemi dopo aver assaggiato anche questo pane, perfetto per i tramezzini e le tartine, morbidissimo sia se congelato che conservato in un sacchettino chiuso, smetterete definitivamente di comprare il pane confezionato (io l’ho già fatto)!

E il libro…..ACCATTATEVILLO!

Ecce Panem: no knead bread

no knead

Ci sono volute un paio di cazziate da parte delle amiche blogger sulla mia distrazione, e qualche post al momento giusto da parte di Olga, per farmi soffermare – a quanto pare sono distratta e mi perdo un sacco di cose che le amiche panificatrici combinano – su questo meraviglioso pane, la cui semplicità è disarmante.

E’ incredibile la assoluta somiglianza al pane rustico glutinoso, con una bella crosta croccante e una mollica morbidissima. L’effetto è dato dal metodo di cottura ‘in pentola’. Per pentola si intende una pentola di pirex con coperchio ma io non ce l’avevo (ehm….si è rotto). Nel mio caso l’ho cotto sulla pietra refrattaria, coperto da una pirofila. Funziona lo stesso: ad un certo punto il pane si stava talmente gonfiando che l’ha alzata ma è venuto comunque buonissimo!

Ho seguito il mix di farine senza lattosio della ricetta base ma ho usato il lievito di birra fresco anzichè quello secco  (è tutto in dose doppia):

560 g di Mix Nutrifree per pane

280 g di Mix Revolution per pane

160 g di Farmo Low Protein

800 ml di acqua tiepida

1 cubetto di lievito di birra

6 cucchiai di olio EVO

un cucchiaino di sale

Per tutto il procedimento vi rimando al post di Olga, che ne ha fatte innumerevoli varianti. Insomma, questo è solo l’inizio!

nokneadfetta
Da quando ho iniziato a fare il pane senza glutine (saranno due settimane), lo mangio con piacere anche io e ho smesso di comprare il pane confezionato. E in cucina c’è sempre un’aroma strepitosa di casa!!!!

Qui di seguito le ultime tre fasi (foto fatte con il cellulare ovviamente…) della cottura..sotto la pirofila, una volta tolta la pirofila, e dopo la cottura ‘aperta!

fasinoknead

Aggiornamento del 14/10/2015: ecco la versione del no knead Bread senza glutine con il lievito madre. Ho messo 250 g di lievito madre invece del lievito di birra. Non ho diminuito acqua come Olga raccomanda (só de coccio lo so!) E infatti dentro é più umido ma ammetto che mi piace di più così! !! Capolavoro!
image

Si dia il via alla panificazione: la baguette di Olga

baguette

Sia chiaro, io non ho fatto niente: ho solo seguito le istruzioni. Ma queste nella foto, queste croccanti baguette dall’aspetto fornaioso (dico! Anche i pallini sul fondo vi rendete conto?) senza glutine, le ho fatte io. Con il mio forno, la mia nuova pietra refrattaria, il mio nuovo stampo per baguette (ehm si ho fatto un po’ di shopping ultimamente!!!) e il mio nuovo, gonfissimo, lievito madre neonato che si chiama Tyrion Lannister Junior, in onore del mio personaggio preferito di Game of Thrones.

Quello del lievito madre è l’unico cambiamento alla perfetterrima ricetta di Olga di Un Cuore di Farina Senza Glutine, Guru e moltiplicatrice di pani (per ora solo di quelli) di tutte noi gfgirls.

250 g Mix per pane Nutrifree

200 ml di acqua tiepida

150 g di lievito madre senza glutine (ma perchè sono anarchica! Non so se la dose fosse giusta ma è venuto bene) + un pizzichetto di lievito di birra (perchè il lievito madre era ancora neonato) – secondo la ricetta di Olga ci vogliono 5 g di lievito secco

2 cucchiai di olio evo

Io ho mixato tutto nel Bimby (funzione impasto per circa 3 minuti) dove ho fatto anche la prima parte della lievitazione. La seconda parte l’ho fatta nello stampo da baguette.

La ricetta di Olga e il procedimento li trovate qua, ma il mio consiglio è di comprare il suo ultimo libro, assolutamente un must have soprattutto per pane e pizza:

Non ve ne pentirete!
PS: le tre baguette sono scomparse in tre minuti netti. Ce le siamo litigate anche con mia figlia di tre anni, e ho detto tutto!

1 2 3

%d blogger cliccano Mi Piace per questo:
WordPress Backup