Posts Tagged ‘BIMBY’

Chiamatemi Lady Marmelade: la marmellata di mele e cannella

                                           marmellata senza glutine con Bimby

Dopo un paio di consulenze via chat con Mother Rosalba, ho finalmente trovato una mattinata libera per provare la marmellata di mele. Manco a dirlo, con il Bimby (mentre nel frattempo preparavo il pranzo).

460 g mele
230 g zucchero
scorza di limone
un cucchiaio di cannella

Tutto molto semplice: Ho sbucciato le mele e ho tolto il torsolo, ho messo tutto nel Bimby. Prima ho tritato 30 secondi a velocità 5, e dopo ho avviato la cottura della marmellata: 30 minuti 100° velocità 1 in senso antiorario, e poi 40 minuti temperatura Varoma velocità 1 in senso orario.
Ho versato nel vasetto sterilizzato (eh si, ne è venuto fuori solo uno…sigh! :( ), e l’ho messo a testa in giù.
E’ buonissima e di ottima consistenza! Il primo dolce che ci ho fatto sono i cuor di mela e sono buonissimi!
Questa cosa di fare un dolce completamente dentro casa senza dover comprare la marmellata mi piace proprio :D

La mia prima marmellata!!

                                          marmellata di fragole senza glutine

Tra l’influenza, le intolleranze, e il lavoro che mi sta mandando ai pazzi, ho incominciato l’approccio con la creatura (il Bimby): nella stessa giornata ho fatto una salsa di mele per l’arrosto, e la marmellata di fragole!
Il Ciriaco adora le marmellate e io per niente (mi piace solo quella di arance), ma visto che il Bimby fa tutto, ho deciso di metterlo alla prova con una cosa facile!
La ricetta l’ho trovata qui e l’ho seguita quasi per intero…cioè, non ho usato lo zucchero a velo, ma solo:

500 g di fragole
400 g di zucchero
succo di mezzo limone

Ho lavato e ‘spicciolato’ le fragole, ho messo tutto dentro il Bimby e – secondo ricetta – ho cotto a velocità 1 e 100° di temperatura per 30 minuti. Poichè in effetti viene molto liquida, ho cotto per altri 40 minuti (seguendo quindi attentamente le indicazioni) a temperatura Varoma e velocità 1. Il Bimby fumava e borbottava come il pentolone della strega ma il risultato è stato eccellente!
Ho sterilizzato due bocce di vetro, ho versato il composto ancora caldo, le ho chiuse e le ho messe a testa in giù, in modo da creare il sottovuoto.
C’è dell’emozione quando fai la tua prima marmellata, ve lo garantisco! Soprattutto se tu hai solo lavato le fragole e ti becchi tutti i complimenti :D

PS: le foto sono orribili, le ho dovute fare con il cellulare….speriamo che non succeda più!

Banana Bread (vegan)

                                         dolce vegano alla banana

Ho preso spunto da questa ricetta vegana che mi aveva segnalato Felix, perchè volevo iniziare a provare un dolce senza glutine e senza uova. Ho scelto questa perchè la trovavo consone agli ingredienti che uso spesso io (burro di soya, latte di soya ecc), ma vista la mia natura rivoluzionaria l’ho cambiata quasi totalmente :) e quindi è venuto fuori qualcosa di totalmente diverso! Ma è questo il bello, no?
L’impasto l’ho fatto col Bimby (eh dovevo iniziare da una cosa facile, no!?), quindi ho buttato tutto dentro e le dosi finali sono le seguenti:

150 g farina (Schaer mix dolci)
100 g di fecola di patate
150 g zucchero di canna
250 g di latte di soya  (io uso Alpro)
1 banana
70 g di burro di soia (fuso – Provamel)
mezza bustina di lievito (Easyglut)
noci
Se l’avessi fatto a mano, avrei cominciato da burro fuso e zucchero, avrei aggiunto la banana schiacciata e poi mixando con la frusta elettrica farina, fecola e alla fine il latte. Nel Bimby invece ho messo tutto dentro e ho impastato (modalità impasto, appunto) per 3 minuti.
Dato che mi sono resa conto che veniva fuori un impasto un po’ denso, con un buonissimo sapore di banana, ho avuto l’idea di metterlo nello stampo del plum cake, aspettandomi la consistenza del tipico banana bread. A questo punto, ricordandomi di una ricetta assaggiata tanto tempo fa in un bioristoro di Londra, ho voluto aggiungere delle noci all’impasto.
Ho cotto nel forno ventilato a 170° per 25 minuti (come da ricetta originale), e in effetti è venuto fuori un dolce molto buono: umido dentro e croccante fuori, con un buonissimo sapore! Se piace, si può aggiungere dell’uva passa, ci starebbe benissimo :-P

Fiocco ‘beige’ in casa Ciriaco!

                                                        Bimby

Latito da una settimana, a occhio e croce…..mi sto ancora riprendendo dalla scoperta della mia nuova intolleranza all’uovo, ma per fortuna in casa Ciriaco’s c’è stato il lieto evento: è arrivato il Bimby!
In teoria doveva essere un regalo di nozze, in pratica è stata un’occasione da prendere al volo (trovata da mamma Rosalba che ha sempre un asso nella manica), e nella trasferta pasquale dei miei genitori, tra limoni peperoni e pomodorini dalla Sicilia, c’era anche LUI!
Devo dire che la mia felicità compensa ampiamente il mio trauma infantile da mancanza di Dolce Forno Harbert (vedi qui), quindi il cerchio si chiude!
Sinceramente, nonostante abbia sempre visto mia mamma usarlo, non so da dove cominciare a sperimentare….ma datemi tempo….e vi stupirò!!!!
Da che cosa? Avete consigli? Qual’è la ricetta + miracolosa che avete fatto con il Bimby?
Ditemi ditemi!!!!

1 11 12 13

%d blogger cliccano Mi Piace per questo:
WordPress Backup