love is in the air (on the train platform)

foto coppia amore

foto coppia amore
careless love
Inserito originariamente da sciabby

Stazione Termini. Venerdi sera di una settimana devastante fatta di mille treni su e giù per l’Italia, ore 20.
Scendo dal treno e mi avvio verso la fine del binario guardandomi intorno e mi sembra di stare in un film: zii che salutano i nipotini da lontano, gente che sorride, e tante, tante coppie che si abbracciano e si baciano romanticamente incuranti del casino del fine settimana.
Ho avuto quasi la sensazione che l’aria fosse piena di cuoricini!!! Ho pensato a quanto è bello tornare a casa e abbracciare le persone che ami dopo essere stato via anche solo per qualche giorno…e mi sono detta…
…a volte vale la pena di partire, solo per il ritorno.

Guardarsi dentro

foto ritratto specchio

foto ritratto specchio
Inward mirror
Inserito originariamente da sciabby

Guardarsi dentro è una delle cose più difficili da fare…puoi vivere una vita pensando di conoscerti bene e invece un giorno succede qualcosa che ti sorprende come se tu stesso fossi una persona che non conosci affatto.
Mi è successo qualche giorno fa, rivangando nella mia vita passata…raccontando degli episodi particolari che hanno segnato la mia vita adulta, ad un certo punto mi sono chiesta chi fosse la persona che aveva vissuto quelle cose. Nessun rimpianto, nessun risentimento…ma veramente tanta tristezza, nel ricordare e raccontare di persone che mi avevano deluso, amicizie tradite, ‘amori’che invece erano tutt’altro.
Mi sono chiesta come avevo fatto a credere a cose che non esistevano, e come avevo potuto farlo per anni.
Ma quella ero io, ed evidentemente era quella la strada per diventare quella che sono adesso.

il corpo, la mente e il Tango

foto piedi tango

foto scarpe tango piedi
Tango reharsal
Inserito originariamente da sciabby

Sono reduce dal lunedì.
Gia da solo, il lunedì è tragico…
Nel mio caso, un lunedi di inizio mese/fine mese commerciale, con riunioni varie nazionali ed internazionali è veramente pesante.
A questo si aggiungono le prove per lo spettacolo di tango…
Non sono una professionista (anzi, nel tango sono poco più che una principiante), ma far par parte di una cosa così più grande di me, che comincia dal caos apparente e finisce nell’armonia di un disegno che viene fuori così, tutto insieme, in tre sere (una diversa dall’altra)…è una cosa bellissima.
Il piccolo miracolo di questo lunedì sera è stato lo scomparire improvviso di tutti i pensieri che si erano successi durante la giornata (che sono stati tanti, e pesanti) , così….dopo poche note e pochi passi.
Il corpo ha preso il sopravvento, la musica il potere…
…e vado a letto con un sorriso, aspettando il palcoscenico.

Lo strano caso dei fantasmi parlanti – foto reportage di un’avventura fantadomestica

foto reportage domestico

Capita che in una casa ci siano i fantasmi.

Si parla di rumori, luci che si spengono e riaccendono da sole, porte che si aprono…
Ma a casa mia neanche i fantasmi sono normali…

Ieri sera, tornando dal lavoro, ho notato degli strani segnali…

…degli esseri apparentemente inanimati ed innocui, ma dall’aspetto raggrinzito e anche un po’ umido infestavano l’appartamento! Uno in ogni camera in cui entravo…
Il primo l’ho notato all’ingresso, mi si è parato di fronte non appena varcato l’uscio:

foto camicia E ho pensato: qualcuno mi vuole forse dire qualcosa?

I miei dubbi sono stati confermati quando, entrando in camera da letto…

foto camiciafoto camicia Mh….sembravano venire in pace, queste entità…ma la cosa cominciava ad inquietarmi….cosa volevano da me questi esseri sconosciuti? E perchè parlavano proprio a me, che non avevo mai avuto a che fare con loro nella mia vita? Perchè avevano scelto me?

Altre manifestazioni si sono susseguite velocemente nei minuti successivi….

foto camicia
foto camicia
foto camicia
Il messaggio era ormai chiaro: il mio destino era scritto. E non potevo farci niente…ero senza via di scampo.

La macchina acchiappafantasmi brontolava nel soggiorno, emettendo sbuffi icomprensibili e luci rosse ad intermittenza, chiamandomi all’azione…e a quel punto, con gli occhi pieni di terrore, e il mio animo ormai cosciente di ciò che lo attendeva…

e come in ogni film dell’orrore che si rispetti…mi è toccato stirare le camicie.

Scene da un matrimonio – parte seconda

foto sposa sigaretta

Ancora matrimoni, si.
Direte: ma non parli d’altro?
Sicuramente sono influenzata dal lavoro che faccio (lavoro a Nozzeclick!!), ma oggi è una casualità….vagavo tra le mie foto su Flickr per decidere quale mostrarvi oggi e ho notato che questa è quella più vista in assoluto.
E mi sono chiesta: come mai?
Il titolo di questa foto è ‘Take my freedom but not my cigarette’ (Toglietemi la libertà ma non la sigaretta), e la domanda del giorno è…
lo stress è così forte per via dell’organizzazione del matrimonio o perchè dopo la tua vita sarà un inferno?
Ai posteri l’ardua sentenza…

1 74 75 76 77 78

%d blogger cliccano Mi Piace per questo:
WordPress Backup