Pane alle verdure con carote e zucchine

pane-alle-verdure

Da quando è arrivata la macchina del pane (questa) sono cominciati gli esperimenti!

Chi non ha bambini che non amano mangiare le verdure? E avete mai pensato di mettergliele nel pane? No vero? :) :) Ma io sono un genio del male!

In realtà stavo cercando un’idea per fare un pane ricco di fibre e ho pensato di metterci dentro carote e zucchine…e così ho fatto:

1 zucchina grande

2 carote

1 cipolla

Ho prima fatto una julienne molto piccola frullando le verdure nel Bimby e lì le ho cotte per circa 10 minuti insieme ad un cucchiaio di olio (temperatura 100°, velocità 8 per fare la julienne e poi velocità mestolo).

Una volta cotta la julienne, ho messo gli ingredienti del pane nel cestello della macchina del pane e ho aggiunto questi ingredienti, partendo da quelli liquidi:

100 g di farina di quinoa

300 g di Mix B per pane Schar

100 gi di farina di grano saraceno

250 g di julienne di carote e zucchine già cotta

430 ml di acqua

1 cucchiaio di olio

sale qb

1 bustina di lievito secco Schar (lo trovate nella confezione del Mix) – nello scomparto apposito del lievito (che viene prelevato in un secondo momento dalla macchina)

Ho adoperato il programma 19 per il pane senza glutine, quello da 1 ora e 50. Come al solito, programma silenziosissimo ed efficace! Il pane si è un po’ sgonfiato sulla cupola probabilmente perchè gli ingredienti erano un po’ pesanti ma ha lievitato stupendamente e -a differenza del normale pane senza glutine .rimane ben umido e molto morbido anche dopo due giorni. E’ buono anche senza essere scaldato ed è ottimo sia da solo (sembra quasi un dolce!) sia con i salumi sia con un formaggio spalmabile per diventare un’ottima merenda!

Questa la consistenza del pane all’interno:

Pane alle verdure con Panasonic ZX2522

Pane alle verdure con Panasonic ZX2522

Provatelo, magari anche con altre verdure e fatemi sapere!!!

 

 

 

 

Banana Bread con macchina del pane

bananabread

Ci sono ‘arrivi’ in casa che, chi più chi meno, ti cambiano la vita. Da quello di mio marito all’arrivo mia figlia, le cose sono molto cambiate….ma anche il Bimby, arrivato dopo il nostro matrimonio, non è stato da meno…per non parlare dell’attrezzo per fare gli spaghetti di verdure!

Adesso è finalmente arrivata la macchina del pane. Il Ciriaco si è opposto più volte in questi anni minacciando di andare via di casa se prendevo un altro attrezzo, ma si è dovuto subito ricredere! Innanzitutto ha preso giusto gli ultimi 20 cm di spazio libero sullo scaffale, il che indicava che era destino.

E poi beh….fa praticamente tutto da sola.

Ho già provato diversi tipi di pane ma la sto ancora testando e oggi ho provato la ricetta del Banana Bread – che non facevo da tempo e che adoro- con alcune modifche rispetto a quelle del ricettario: UN SUCCESSONE!

70 g Mix It di Schar

90 g di Farina di grano saraceno

100 ml di olio

125 g di yogurt greco

1 banana schiacciata (150 g)

3 uova

10 g di bicarbonato

120 g di fruttosio

Cosa ho fatto? Praticamente niente, ancora meno di quando faccio i dolci con il Bimby: ho messo tutto nel cestello, e ho avviato il programma n.20 (1.50 minuti). Quando ho sentito 8 bip (e nel frattempo avevo praticamente messo in ordine due camere come una vera finta casalinga). Volete saperne di più vero? :D :D

La macchina è una Panasonic ZX2522.

E’ la prima che ho in vita mia ma quello che mi ha sorpreso più di tutto è quanto sia silenziosa: a parte i primi minuti di impasto (in cui si sente a malapena) bisogna fare attenzione a non dimenticare di averla accesa!

Ha tantissimi programmi (man mano vi andrò aggiornando) tra cui alcuni dedicati proprio agli impasti senza glutine (sia pane che torte!)

Il dolce è venuto perfetto, dalla consistenza morbidissima e la forma impeccabile…così come i pani test che ho fatto negli scorsi giorni….stay tuned e nell’attesa cacciate i vostri mariti e fatevi una macchina del pane!

Post sponsorizzato

 

Tutti a dieta! Polpette di bieta

polpette-di-bieta

Vi siete pesati dopo le vacanze vero? E non è stato bello mi sa.

Io non mi sono pesata ma ho avuto il coraggio di misurare la glicemia post prandiale e mi è preso un colpo. Quasi istantaneamente, sono corsa ai ripari e sono ritornata al mio vecchio stile di alimentazione fibre-carboidrati-proteine nello stesso pasto. cioè, dal secondo dopo, proprio.

Queste polpette sono nate perchè mia suocera (santa eh) continua a propinarmi delle bietine lesse che a me non piacciono per niente (so che non se la prenderà, lo fa per il figliuolo del suo cuore). Le guardavo le riguardavo e alla fine ecco la soluzione per renderle un po’ più appetibili! (altro…)

Ancora Sicilia: la pizza di Moscabianca

MOSCABIANCA -IL CORTILE

MOSCABIANCA -IL CORTILE

 

Me lo ripromettevo da un bel po’ di tempo di scrivere qualche dettaglio sul Moscabianca, e alla quarta volta che mangio da loro non mi posso esimere!

Parliamo sempre di Scicli, come sapete mio ridente paesino d’origine come vi ho già raccontato qua .

In una strada che per me ha significato molto (il mio liceo si trovava lì) e, in estate, in un bel cortile (su cui si affacciavano le finestre della mia classe), si trova questo ristorante che annovero ormai tra i miei preferiti. Per i turisti, la motivazione in più per scegliere Moscabianca è che si trova a due passi dalla folla dei locali di Via Mormino Penna: mangerete in totale tranquillità, e poi potrete buttarvi nella movida sciclitana!

Comincio dalla deliziosa proprietà e dallo staff, che riesce sempre a trovare un minuto per un saluto e un sorriso prima di guidarti nella scelta, anche se il locale è pieno: a proposito….ricordatevi di prenotare!

Come in molti casi, cucinano senza glutine perchè conoscono molto bene il problema in famiglia.

Il menu del ristorante è – incredibilmente – tutto senza glutine e Carmela (la proprietaria) mi ha raccontato nei dettagli anche la procedura con cui utilizzano le farine naturali per impastare la pasta fresca (ovviamente non ve lo dico :), segreti dello chef!)

moscabianca

Dopo parecchie ricerche Carmela è riuscita a trovare anche la perfetta alchimia della pizza senza glutine: si tratta infatti di un impasto che un non celiaco non sospetterebbe minimamente essere gluten free: ve lo assicuro, è la pizza migliore che abbiamo mai mangiato!

Una special mention devo darla alle patatine: tenere e croccanti allo stesso tempo, sembrano quelle che fareste voi a casa vostra (magari riuscissi a farle così buona)…non ve le perdete!

Purtroppo non ho potuto provare il menu degustazione (era troppo tardi per noi per fare un pasto completo) ma la prossima volta ho promesso di provare tutto…nell’attesa, date un’occhiata ai menu!

Moscabianca si trova in Corso Mazzini 36 a Scicli (RG).

Tutti al Mercato! Il BlogIn tra le bancarelle

img_5696Metti tre blogger al Mercato, metti prodotti freschi freschi e mescola bene con un’Organizzazione eccellente: ariecco il BlogIN!

Questa volta in una situazione ancora più informale e divertente, il BlogIn si è svolto all’interno della manifestazione ‘Mercati d’Autore’ e ha portato la cucina senza glutine, con il patrocinio di AIC Lazio e l’organizzazione di SulLeAli, nientemeno che nei Mercati Rionali di Roma!

Io ho avuto la fortuna di partecipare al Mercato Trieste dove, dal Direttore alle persone che stanno dietro i banchi, mi sono resa conto di che microcosmo sia un Mercato: una vera e propria azienda fatta di persone semplici e sorridenti che collaborano attivamente tra loro.

Da qualche angolo usciva sempre qualcuno che ti aiutava, ti portava più zucchine, ti sistemava gli attacchi elettrici, ti mostrava dove stavano le cose…insomma ci siamo sentiti benvenuti!

Come al solito non abbiamo fatto altro che fare quello che sappiamo: cucinare e chiacchierare! Personalmente, dopo aver ingaggiato un piccolo celiaco per fare gli spaghetti di zucchine (potete vedere il video del piccolo chef sulla pagina Facebook di SulLeali a questo link), testa bassa per fare più ricette possibili!

img_5671

Ho infatti cucinato due piatti: gli spaghetti di zucchine con alici e pomodorini e i muffin di zucchine con cuore di pecorino!

L’argomento era proprio creare dei piatti con i prodotti locali e quale prodotto è più romano delle zucchine romanesche???

Qui trovate la ricetta, anche se al mercato per comodità sono stati fatti sottoforma di muffin con dei pezzetti di pecorino dentro:

Mentre qua trovate la ricetta degli spaghetti di zucchine!

Al prossimo BlogIn….stay tuned!

 

1 2 3 4 72

%d blogger cliccano Mi Piace per questo:
WordPress Backup