Gli amici del Ciriaco testano La Borgricia di Alessandro Borghese

Ti piace? Dillo ai tuoi amici!

Primo piatto senza glutine

Premetto che questa ricetta mi aveva fatto venire l’acquolina in bocca già dal primo ingrediente, ed è stata una vera fissazione per un paio di settimane, che ha coinvolto tutti i miei amici + vicini.
Si tratta di una ricetta di Alessandro Borghese (in una delle puntate di ‘Cucina con Ale’), a cui ha dato un nome chiaramente legato al suo :D!
Il giorno dopo ero già alla ricerca di uno degli ingredienti principali e assolutamente fuori stagione: le FAVE. Dopo 3 supermercati, la disperazione + totale e la rinuncia a farla quel giorno. Mi ha salvato solo il numero verde SOS SOCERA che in un pomeriggio me le ha procurate.
Ma non è che con le fave avevamo risolto…..
Pare infatti che lo SPECK D’ANATRA, altro ingrediente principale, non sia poi così comune come il nostro Alessandro diceva….ma è stato prontamente trovato dall’AMICA DEL CELIACO 2011 (ancora in carica – ne ho parlato qui) in una nota gastronomia radical chic di Roma, un’ora prima della nostra cena e dopo mezz’ora di lotta con le vecchiette di Via Cola di Rienzo.
Le dosi indicate da Borghese sono le seguenti:

400 g di rigatoni
400 g di fave bollite
1 speck di anatra
200 g di pecorino grattugiato
1 bicchiere di brodo di carne
1 bicchiere di vino bianco
sale
pepe

Noi eravamo in 6 quindi le ho un po’ aumentate.
Ho bollito le fave, e ne ho fatto una crema (ovviamente nel Bimby), aggiungendo un bicchiere di brodo di pollo del giorno prima :D e un po’ di pecorino.
Mentre la pasta bolliva, ho messo in padella lo speck d’anatra a tocchetti ma senza olio, perchè (come si è ben raccomandato Borghese) il grasso si scioglie e basta quello! Una spruzzata di vino bianco…….e quando la pasta era al dente, l’ho ripassata in padella in questo meraviglioso preparato.
In ogni piatto, sotto la pasta, ho messo una base di crema di fave e un’altra spruzzata di pecorino…..sopra una spruzzatina di pepe …e signori, abbiamo aspettato 10 giorni…..ma ne valeva la pena!!!
E’ un piatto molto particolare, e ve lo consiglio!
Il resto della cena (spero che Borghese non legga mai questo post altrimenti finisco nella gogna di Cortesie per gli Ospiti), tanto per condividere, prevedeva:

-antipasto di formaggi con: miele tartufato, marmellata di cipolle e marmellata di fichi
-polpettone di tacchino con crema al vino rosso
-crumble di banane

Gli amici del Ciriaco pare che abbiano gradito….

7 Comments on Gli amici del Ciriaco testano La Borgricia di Alessandro Borghese

  1. Anna Lisa
    25 ottobre 2011 at 09:27 (9 anni ago)

    Senti…me devi presentà tu socera!!! Ma dove le trova le fave ora??? Avevi ragione ad andare in fissa…è un piatto stupendo!

    Rispondi
  2. CONTROTUTTI
    25 ottobre 2011 at 11:48 (9 anni ago)

    anche io seguo il suo programma….mi piace tantissimo, e questo piatto aveva attirato anche me!

    Rispondi
  3. Sciabby
    25 ottobre 2011 at 12:26 (9 anni ago)

    Ma ragazzi, ovviamente le fave erano surgelate!!!! La socera é d'oro e in genere si fa in quattro…..se volete ve la presto :)

    Rispondi
  4. La Gaia Celiaca
    26 ottobre 2011 at 14:24 (9 anni ago)

    accipicchia che ricetta sfiziosa!
    io a firenze lo speck d'anatra non lo troverò mai, mi sa che sarò costretta a tenermi una gricia normale :-)

    oppure a farmi un giorno invitare a pranzo da te :-D

    Rispondi
  5. Generic Viagra
    20 dicembre 2011 at 14:44 (8 anni ago)

    mamma che bel piatto di pasta, wiwa le suocere come la tua..Ma ragazzi, ovviamente le fave erano surgelate!!!! La socera é d'oro e in genere si fa in quattro

    Rispondi

Ti va di lasciare un commento?

%d blogger cliccano Mi Piace per questo:
WordPress Backup