Searching for "contest"

Non c’è spiga che tenga: panini con speck e patate

paninispeck

Se ti scrive la Confraternita della pizza dicendoti che Settembre è il mese della pizza senza glutine che fai, non ti butti in mezzo???

banner

E quindi eccomi qui, a partecipare a questo ‘lieto evento’: ci saranno quattro settimane, ognuna dedicata a una tipologia, e questa è la settimana del pane. Ma siccome a noi il pane ‘liscio’ non ci piace, abbiamo pensato di fare una cosa molto golosa :-P

Per 7 panini:

350 g di farina Polselli per pizza

270 g di acqua tiepida

1 patata bollita

20 g di olio

sale q.b

3 fette di speck tagliate spesse, da fare a cubetti (io ho usato quello comprato in una macelleria senza glutine in trentino!)

Ho versato la farina nel Bimby e ho quindi aggiunto acqua e olio. Questa farina contiene già il lievito quindi non ne ho aggiunto. Ho salato e ho lasciato lievitare mezz’ora. Ho quindi aggiunto la patata schiacciata e ho lasciato lievitare un’altra ora.

Ho quindi ripreso la pasta e ho aggiunto i cubetti di speck. Ho fatto dei panini con le mani, ungendole di olio, e li ho infornati a 180 gradi, in un primo momento coperti dalla carta forno e in un secondo momento togliendolo, lasciandoli dorare.

Sono molto buoni caldi, o riscaldati, serviti conditi con olio e origano!!!

Alla prossima settimana, per la prossima ricetta del contest!

paninispeckinteri

La mia versione: Caccavelle con spaghetti di zucchine alla carbonara

CaccavellaCarbonara

Gli ultimi tre mesi, si sa, sono stati all’insegna della Caccavella…ne abbiamo viste di tutti i colori e tipi e finalmente il contest si è chiuso, con un bellissimo arcobaleno di ricette!

Anche io volevo mostrarvi una versione della Caccavella…una versione un po’ fusion perchè contiene anche una delle mie ultime fissazioni: gli spaghetti di zucchine. In questo caso ho prima preparato la ricetta con gli spaghetti di zucchine e poi le caccavelle…è un po’ laborioso, il tutto prende quasi un’oretta ma il risultato vale la pena!

Per gli spaghetti di zucchine alla carbonara

l’attrezzo per fare gli spaghetti di verdura, che trovate qui :Lurch Spirali 10203 Tagliaverdure colore: Verde / Crema

6 zucchine (circa 3 a persona)

2 uova

pancetta consentita q.b. (io uso Conad)

sale

pepe

parmigiano

Per la besciamella di soya:

500 ml di latte di soya

4 cucchiai di olio

4 cucchiai di farina di riso

sale

pepe

noce moscata

…e ovviamente le caccavelle della Fabbrica della Pasta Senza Glutine!

Cominciamo da quelle: vanno sbollentate per 15 minuti quindi fate quello per prima cosa.

Preparate il tipico condimento della carbonara: soffrittino di olio e pancetta finchè la pancetta non si schiarisce. A parte sbattete le uova, salate e pepate. Saltate gli spaghetti di zucchine nella pancetta finchè non si sono ammorbiditi, spegnete il fuoco e aggiungete le uova. Mescolate bene, e aggiungete il parmigiano. In teoria potreste anche mangiarle così ma noi vogliamo fare sempre di meglio no?

Scolate le caccavelle con l’attrezzo per scolare gli spaghetti e vedrete che non si romperanno. Posizionatele in una pirofila e riempitele con gli spaghetti alla carbonara.

Preparate la besciamella di soya (io la faccio con il Bimby) scaldando olio e farina di riso e aggiungendo il latte e mescolando continuamente finchè non si addensa. Salare pepare e spolverare di noce moscata.

A questo punto riempite le caccavelle fino all’orlo (quindi sotto spaghetti e sopra besciamella), il resto della besciamella di soya versatelo nella pirofila. Spolverate abbondantemente di parmigiano e mettete in forno per circa mezz’ora.

Troppo buone!!! Un piatto della domenica abbondantemente saziante e quasi light :D

Caccavelle2

 

Manie fuori dalla cucina: i Washi Cakes!

DSC_0095Se mi avete letto sotto Natale vi ricorderete che ero entrata in fissa con il Washi Tape…i miei amici hanno ricevuto (e devo dire che in pochi hanno apprezzato l’impegno!!) confezioni e biglietti decorati dalla sottoscritta e continuo ad usarlo ogni tanto, adesso anche insieme alla Pulcetta che ogni tanto mi fa: ‘appiccichiamo’? Si siede insieme a me e, ovviamente, fa casino appiccicando il Washi in ogni dove.

Per i suoi due anni ci hanno regalato i Lego Duplo per fare le torte e quando Annabella di My Washi Tape ha indetto questo contest…

bannershop-contest-2

…ho pensato che la combinazione fosse ideale…in fondo questo blog è prima di tutto un blog di cucina no?

Già da tempo io conservo i Washi nelle confezioni originali della Torta Sacher (uno in particolare sembra fatto apposta)

DSC_0099

quindi mi è venuta l’idea di fare dei piccoli cupcakes con i Washi e il Lego…insomma dei Washi Cakes, per fare un gioco di parole!. Non è neanche troppo fuori tema….voglio dire: senza glutine sono!!!

 

 

Fast and Furious: I fusilloni ai ‘capelli della strega’

fusilloniCome tutti sapete (praticamente vi rompo le scatole da dicembre…) è in corso il contest ‘Un fusillo per capello’ e tante blogger si stanno cimentando con i Fusilloni de La Fabbrica della Pasta Senza Glutine…devo essere di esempio anche io no? A proposito…avete votato qui ?

Visto che sono fuori concorso, vi racconto il velocissimo pranzo di oggi…questi fusilli sono ‘fast’ e li ho fatti in una pausa pranzo di un’ora!! Il ‘furious’ invece dipende dai ‘capelli’ cioè gli asparagi selvatici :D

un mazzo di asparagi selvatici (e quelli ve li dovete cercare! A me li raccoglie mamma :D)

una confezione di salmone affumicato da 150 g

una confezione di panna di soya (io Provamel)

cipolla

olio

sale affumicato al legno di faggio (altro ingrediente difficile da trovare se non si hanno amicizie nordiche come quelle della suddetta mamma)

Ho fatto questo soffrittino leggero di cipolla, e ho cotto gli asparagi per qualche minuto, dopodichè ho aggiunto il salmone tagliato a listarelle. Non appena il salmone si è schiarito, ho spento il fuoco, e ho aggiunto la panna di soya.

Voilà, il sughetto fast è pronto!!!

Il tocco particolare in effetti è stato la spolveratina di sale affumicato….una mescolatina e via!
Veloce veloce ma davvero buona :D

 

Cristoforo Colombo e le tre ‘Caccavelle’….al radicchio cremoso e speck

Come sapete, in questi giorni si sta disputando la sfida ‘Un fusillo per capello‘ in collaborazione con la Fabbrica della Pasta Senza Glutine di Gragnano.

I partecipanti hanno ricevuto dei fusilloni per partecipare al contest, ma anche una confezione di Caccavelle. Io questo formato non l’avevo mai visto, e lo trovo bellissimo!

La battuta delle tre Caccavelle di Colombo mi risuona in testa da giorni….il fatto è che la confezione ne contiene 4, ma me ne sono arrivate tre….insomma, una è affondata nelle mani del corriere!!!

Si prestano a ricette tradizionali e non e io le ho fatte così:

1 confezione di crescenza (ca. 125 g)

1 cespo di radicchio trevigiano medio

cipolla

speck a listarelle (quello di Conad è GF) – ca. 50 g

sale

pepe

parmigiano q.b

olio EVO

Mentre sbollentavo le caccavelle (in realtà queste vanno proprio cotte, perchè ci vogliono 15 minuti) ho ammorbidito il radicchio in padella con olio e cipolla, l’ho salato e pepato e poi ho frullato il tutto.

Ho quindi aggiunto metà della crescenza, creando una cremina. Per ultimo ho aggiunto lo speck, crudo, tanto poi va tutto ripassato in forno.

Ho scolato le caccavelle ad una ad una con lo scolaspaghetti (avete presente il ‘lillo’, no?) perchè sono molto delicate e possono rompersi, e le ho adagiate nello stampo del plumcake per mantenere la forma.

Le ho quindi riempite in questo modo:

uno strato di crema al radicchio

una fetta di crescenza

uno strato abbondante di parmigiano

e le ho infornate per circa 20 minuti a 200 gradi.

Questo ripieno è semplice ma allo stesso tempo mooooolto gustoso e rende pienamente giustizia a questo meraviglioso formato!

 

1 2 3 4 5 6

%d blogger cliccano Mi Piace per questo:
WordPress Backup