settembre 2015 archive

Scoperte vegan: Nutella senza nocciole

crema di cioccolato

Ve lo dico, la Ferrero me spiccia casa, come si dice a Roma. Di necessità virtù, vi dico anche. Venerdi sono uscita sconsolata da scuola di mia figlia quando mi sono resa conto che la sua alternativa alla crema di nocciole per merenda (non la Nutella ma comunque la crema di nocciole é pericolosa per lei) sarebbe stata la marmellata. Ho deciso che lei alla merenda con il cioccolato non deve rinunciare e le mie meningi si sono consumate per 24 ore.
Questa è la mia versione di una golosissima crema di cioccolato senza glutine, senza latte, senza nocciole, senza grassi, homemade e utilizzabile anche come ripieno per torte e dolci!

300 g di Crema di tofu Clearspring
150 g di zucchero
50 g di cacao amaro
Un cucchiaino d vaniglia
Scorza di limone (pochissima)

Ecco. FATTA. Ho mixato tutto nel Bimby a velocità 4 finché non é diventato una crema, ho assaggiato e mi sono detta che avrei dovuto pensarci prima!!!!

Sono mesi che ho scoperto questo spettacolare tofu vellutato (e giuro che non é una marchetta!) E mi ha salvato la vita con le intolleranze di Celiachinaperamore. Lo uso come ricotta nella pasta, come panna nei rustici, come ripieno per le polpette di verdura, come crema nelle torte e adesso anche come ingrediente segreto!!!
Non è semplice da trovare ma è l’unico senza glutine che ho trovato in giro (io lo compro su Macrolibrarsi).
Oggi sono felice. Sarà la dose di cacao che ho ingerito??? Ho fatto dei dolcetti spettacolari con questa pasta frolla vegan e mi sento drogata!

wedding dresses

Non c’è spiga che tenga 3: focaccia ‘Eoliana’ integrale in padella

pizzapadealla

La terza e penultima puntata di ‘Non c’è spiga che tenga’ della Confraternita della Pizza vede come tema la focaccia. La mia è un’ode alle Isole Eolie, visto che sono tornata da poco e tanto mi mancano i sapori isolani della mia terra!

banner

Visto che come al solito ero in ritardo, ho pensato di cuocerla in padella e devo dire che meritava molto!

200 g Mix per pizza Polselli

150 g farina di sorgo integrale Ecor

300 ml di acqua tiepida

1/2 cubetto di lievito di birra

20 ml di olio

Per condire:

cipolla rossa

cucunci

capperi

pomodorini

sale

olio

Questa ricetta per venire e mantenersi morbida necessita un impasto molto molle, da lavorare con il cucchiaio. Io ho impastato con il Bimby a velocità 3 e poi qualche secondo a velocità impasto. L’alternativa è impastare con un cucchiaio.

Ho oliato la piastra del testo romagnolo e vi ho adagiato l’impasto, lasciandolo a lievitare lì. Ho quindi aggiunto il condimento spingendolo nella pasta con il cucchiaio visto che il metodo di cottura prevedeva di girarla. Dopo 45 minuti l’ho messo sul fuoco al massimo e ho cotto 5 minuti, l’ho rigirata con molta cautela e ho cotto altri 5 minuti dalla parte del condimento. L’ho rigirata di nuovo e l’ho lasciata riposare sulla piastra calda.

E’ buonissima, morbida dentro come un ciambellone e croccante fuori, e il sorgo dà un sapore integrale che potrei quasi preferire al grano saraceno!

pizzaintera

 

Sprazzi d’estate: Mini cookie cakes al limone

Lemon Cookie cake

Post Sponsorizzato

Fa ancora caldo. Per poco, ma sembra ancora estate e oggi le foto delle vacanze non sembrano più quelle di un’altra vita. Il forno non mi va per niente di accenderlo e il dolce di oggi della domenica è fresco e anche veloce!

Si tratta di una simil cheese cake ma senza formaggio e monodose: la base però non è fatta di biscotti schiacciati ma di biscotti veri e propri!

Ho usato:

12 biscotti frollini Schar

250 g di tofu vellutato (io Clearspring)

100 g di sciroppo di agave

la scorza di un limone

2 fogli di colla di pesce

sciroppo a piacere per decorare

Ho usato dei pirottini usa e getta per i muffin, alla base dei quali ho messo i biscotti. Ho quindi frullato il tofu con lo sciroppo d’agave e la scorza di limone per farlo diventare una cremina (deliziosa anche al cucchiaio!). Nel frattempo ho sciolto la colla di pesce e l’ho aggiunta al composto.

Ho quindi versato nei pirottini la crema e ho messo in frigorifero tutta la notte: i biscotti con la cremina si ammorbidiscono e la sensazione è proprio quella di una piccola cheesecake…senza cheese!!! Una cheeseless cake, insomma.

Io ho decorato con il nettare di cocco ma si può mettere sopra qualsiasi sciroppo senza glutine o anche della frutta.

Provateli e mi direte :)…si fanno praticamente da soli!!!

 

Non c’è spiga che tenga parte 2: pizza con le mele

pizza mele

Rieccomi qui con la seconda puntata dell’Evento “Non c’è Spiga che Tenga” della Confraternita della Pizza.

banner

A casa nostra la pizza si mangia tutte le sante settimane e sempre la stessa, quindi qua voglio darvi uno spunto un po’ diverso che a me ricorda tanto un fine settimana bellissimo di tanto tempo fa quando, ancora single e non figliamunita, andavo in giro a trovare gli amici per tutta Italia. Mi ricordo questa buonissima pizza con zucchero e mele mangiata in un posto vicino Sciacca….e ve la ripropongo:

400 g di mix per pizza Polselli

150 ml di acqua

100 ml di latte (io soya)

1/2 cubetto di lievito di birra

due mele golden

zucchero a piacere

cannella a piacere

I miei impasti sono sempre molto veloci visto il poco tempo, quindi ho impastato nel Bimby il tutto e l’ho fatto lievitare per un’ora. Ho quindi posizionato i pezzi di mela su tutta la superficie, ho cosparso di zucchero e poca cannella (ma nella ricetta originale non c’è), e ho infornato a 180° per circa 20 minuti. Insomma è l’ideale se si hanno ospiti a cena e non ci ha il dolce….si impasta prima di cena e voilà dolcetto pronto :D

E’ da mangiare calda o tiepida!!!

 

 

Sicilian goes vegan: scacce ragusane (versione classica e versione alternativa)

scaccia bianca

Nel mio ridente paesino (Scicli, in provincia di Ragusa), a scacce ci si può anche crescere i bambini e tranquillamente campare. Sono la ricetta tradizionale più versatile che esista, e sono sia un piatto della domenica che un piatto delle feste (nella versione “mpanate” ripiene, a forma di torta), ma anche la risorsa se si torna a casa e si trova il frigo vuoto (è tipica delle rosticcerie). E’ i piatto che più di tutti mi fa sentire quello di cui lo studente fuori sede sente più la mancanza Non cercate le scacce altrove, le trovate solo nella zona del Ragusano!

scacce2

La ricetta si tramanda di mamma in figlia, ma io ho sempre mangiato e basta, la cosa assurda è che le mie prime scacce da sola le ho fatte a oltre 40 anni, e senza glutine. Ironico.

Nella mia volontà di sperimentare, mi sono anche inventata un ripieno alternativo con il tofu. Spero che nessun compaesano gridi al tradimento, ma ricotta a casa nostra non se ne può mangiare al momento e siccome la mia scaccia preferita è proprio quella cipolla e ricotta l’ho ricreata ‘in laboratorio’ in versione vegana. E’ quella che vedete nella prima foto.

Qui troverete la mia ricetta base dell’impasto, che è stata anche pubblicata sullo speciale ‘Cucina Gluten Free‘ di Giugno 2015 (il cui speciale trovate qui), e due ripieni: uno classico e uno, appunto, alternativo.

Per la pasta (3 scacce di media grandezza):

250 g di mix per pane Nutrifree
250 g di MixIt di DS
250 ml di acqua
50 g di olio + quello che serve per la lavorazione
sale
un cubetto di lievito di birra
Per il ripieno 1 (cipolla e pomodoro):
una bottiglia di conserva (passata di pomodoro)
2 cipolle bianche
sale
zucchero
basilico fresco
Per il ripieno 2 (tofu patate e cipolla)
250 g di tofu Clearspring (un buonissimo tofu vellutato senza glutine).
2 cipolle bianche
una patata bollita e schiacciata
sale pepe
Prima di impastare, si prepara il ripieno perchè a pasta spianata deve essere assolutamente freddo o si rovinerà la pasta.
Ripieno di Cipolla e pomodoro:
Soffriggere a fuoco lento la cipolla a piccoli pezzi finchè non diventa morbida e trasparente. Aggiungere la passata, poco zucchero e sale, e cuocere finchè non si addensa. Aggiungere il basilico fresco e lasciare raffreddare
Ripieno di Tofu patate e Cipolla:
Soffriggere allo stesso modo le cipolle, salare e pepare, lasciare raffreddare e aggiugere il tofu schiacciato con una forchetta, e le patate.
Si può impastare sia nel Bimby a velocità 3 per 30 secondi e poi in modalità impasto (ma va poi comunque lavorata a mano e compattata), o con la tradizionale procedura della fontana di farina. Si fa sciogliere il lievito in un bicchiere di acqua tiepida (il bicchiere fa parte del totale di 250 ml di acqua), e si aggiunge man mano il resto dell’acqua e l’olio. Si lavora il tutto finchè e liscio e compatto, e si lascia lievitare circa 40 minuti. Se è troppo duro, si aggiunge dell’olio, una cucchiaiata per volta.
A questo punto, si divide l’impasto in tre parti e sulla spianatoia, con il mattarello, si tira la pasta in tre grossi quadrati, cercando di lisciare bene i bordi (si possono tagliare con il coltello per farli più precisi). Meglio se sopra una carta forno. Aiutarsi sempre con un po’ di olio. Tirare la pasta il più sottile possibile e ricoprire di ripieno tutto il quadrato (la salsa ormai fredda e/o il ripieno di tofu e patate). Ripiegare la pasta sui quattro lati di circa 1 centimetro e mezzo, e poi chiuderla a portafoglio, in tre, sul lato lungo. Se necessario, aiutarsi con la carta forno.
Cospargere di olio, bucherellare con una forchetta su tutta la lunghezza e cuocere sulla piastra del forno caldo a 180 gradi per  circa 20/25 minuti, finchè non si dorano bene sulla superficie. Appena cotte, vanno coperte con un canovaccio per ammorbidirle.
Una volta assaggiate ve ne innamorerete….e potranno sostituire la pizza nei weekend senza che ne sentiate la mancanza!!

 

1 2

%d blogger cliccano Mi Piace per questo:
WordPress Backup